Antonio "tdj"

(C'è sempre un modo migliore)
posts - 312, comments - 268, trackbacks - 17

My Links

News





Tag Cloud

Article Categories

Archives

Post Categories

Image Galleries

Articoli

Blogs

Controlli WinForm free

Guide

Siti vari

Sviluppo

Una riflessione interessante...

... per chi ancora sviluppa (e non intendo "manutenzione") in VB6.

Avendo fatto il "salto" sin dall'inizio mi trovo completamente d'accordo sulla riflessione fatta da Marco Russo e mi auguro che Visual Studio 2008 possa dare una spallata decisiva a Visual Basic... 6 s'intende ;)

Print | posted on martedì 19 febbraio 2008 00:24 | Filed Under [ Dev Varie ed eventuali ]

Feedback

Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

Quando un linguaggio diventa vecchio?

Credo che la spallata a VB l'abbia data Microsoft con la fine del supporto e nessun nuovo aggiornamento all'IDE o al linguaggio stesso, oltre che Vista, visto che VB non è pienamente compatibile con l'ultimo Windows...

Ma sviluppare ancora in codice nativo (Win32 e magari prossimamente Win64), anziché managed, può ancora pagare...
19/02/2008 04:28 | Sergio Pappalardo
Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

Mi trovo concorde con Sergio, personalmente sono dovuto passare a Visual Studio NET (e immagino prossimamente ad usare WPF) più per dovere che per necessità, tutte le infinite meraviglie promesse dal mondo managed sono disattese, per assurdo i nuovi strumenti che sono stati introdotti in Vista sono tutti componenti COM non supportati direttamente da NET in quanto totalmente assenti da qualsivoglia namespace.... e da chiunque si sconsiglia l'Interop in quanto inefficiente.
19/02/2008 10:46 | Federico
Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

A livello tecnico mi fido ciecamente di quello che afferma Sergio :-) e aggiungo:
anche se non sono uno sviluppatore immagino che, prima o poi, VB6 verrà meno utilizzato rispetto al net ... ma, intuisco, il net non ha finito la sua "crescita" visto il breve tempo che c'è tra la versione 2005 e la 2008 e questo crea un po' di sconcerto tra coloro che, non avendo molta disponibilità economica, ne vogliono acquistare la licenza ...
Più volte, da orientatore, ho suggerito di passare al net o a tenersi aggiornati, per un discorso di mercato del lavoro ... Ad oggi il programmatore vb6 è ancora richiesto, Ma domani?
Ottima cosa fatta da Microsoft è quella di mettere sul mercato le versioni Free ... bene, sfruttatele! (soprattutto le scuole!)
19/02/2008 16:12 | Marco Chillemi
Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

Sergio, il tuo discorso poteva avere un senso con .NET 1.0 ma non sicuramente oggi.
Se consideriamo che in VB6 si sviluppano, nel 90% dei casi, applicazioni gestionali, non capisco quale sia il vantaggio nell'utilizzare VB6 anzichè .NET. Inoltre, vorrei ricordare che da VB6 si ottiene il massimo solo mediante l'uso del subclassing e/o chiamate dirette al sistema operativo cosa che .net sta riducendo quasi a zero.

Ho sviluppato per diversi anni in VB6 e in .net creo delle relazioni di ereditarietà anche se non serve, tanto mi sono mancate!

E invece, leggo ancora di gente che "piange" la mancanza degli array di controlli... dai, siamo onesti!

Ripeto: posso capire il discorso migrazione e manutenzione ma non lo sviluppo di nuovi progetti. Questo non ha proprio senso.
20/02/2008 00:32 | Antonio "tdj" Catucci
Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

L'importante, almeno, è che rimanga il compilatore C/C++ unmanaged per Win32/Win64/ATL/MFC.
Ma non vedo perché no, naturalmente !
20/02/2008 14:47 | Gorgoroth
Gravatar

# re: Una riflessione interessante...

Ricordo che oltre Vista 64 è uscito anche vista 32 e i clienti chiedono quello di solito e ancora di + il classico xp ....
20/02/2008 17:22 | Claudio
Comments have been closed on this topic.

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET