Alessandro Del Sole's Blog

{ A programming space about Microsoft® .NET® }
posts - 1908, comments - 2047, trackbacks - 352

My Links

News

Your host

This is me! Questo spazio è dedicato a Microsoft® .NET®, di cui sono molto appassionato :-)

Cookie e Privacy

Disabilita cookie ShinyStat

Microsoft MVP

My MVP Profile

Microsoft Certified Professional

Microsoft Specialist

Xamarin Certified Mobile Developer

Il mio libro su VB 2015!

Pre-ordina il mio libro su VB 2015 Pre-ordina il mio libro "Visual Basic 2015 Unleashed". Clicca sulla copertina per informazioni!

Il mio libro su WPF 4.5.1!

Clicca sulla copertina per informazioni! E' uscito il mio libro "Programmare con WPF 4.5.1". Clicca sulla copertina per informazioni!

These postings are provided 'AS IS' for entertainment purposes only with absolutely no warranty expressed or implied and confer no rights.
If you're not an Italian user, please visit my English blog

Le vostre visite

I'm a VB!

Guarda la mia intervista a Seattle

Follow me on Twitter!

Altri spazi

GitHub
I miei progetti open-source su GitHub

Article Categories

Archives

Post Categories

Image Galleries

Privacy Policy

LightSwitch: mini-guida per l'upgrade di applicazioni dalla v1 alla v2

In questi giorni ho completato la migrazione di un progetto piuttosto consistente in LightSwitch, dalla v1 (2011) alla v2 (2012) per cui volevo condividere qualche dritta che può tornare utile prima di fare il passo (e affinché il passo non sia più lungo della gamba )

In realtà il procedimento in sé è semplicissimo, ma bisogna tenere conto dei seguenti aspetti.

Estensioni e componenti di terze parti

Se la vostra applicazione fa uso di estensioni o controlli utente di produttori di terze parti, è fondamentale accertarsi che esista una versione supportata anche in Visual Studio 2012. Nella maggior parte dei casi le estensioni per la v1 vengono correttamente riconosciute e utilizzate anche nella v2, ma non sempre è così. Di conseguenza, prima di fare qualunque cosa, create un progetto LightSwitch vuoto in VS 2012 e verificate nella scheda Extensions delle proprietà che ciò che usate sia disponibile. In caso contrario, verificate la disponibilità di una nuova versione dell'estensione o controllo. Se non c'è, fate il repair dell'installazione dei controlli in modo che siano riconoscibili da Visual Studio 2012, se questo è stato installato dopo le menzionate estensioni.

Lato server: i prerequisiti

Se la vostra applicazione viene pubblicata su un server Web, come spesso succede, dovete installare .NET Framework 4.5 e il tool Web Deployment 3.0. I prerequisiti per Visual Studio LightSwitch 2011 valgono anche per la 2012, quindi non dovrete far altro. Un suggerimento: per il Web Deployment 3.0 vi consiglio di installarlo tramite la Web Platform Installer che fa le cose fatte per bene.

Lato server: il database

A meno che non vogliate fare l'upgrade a SQL Server 2012, il vostro database esistente non avrà bisogno di essere toccato. Gran bella cosa.

Lato client: Silverlight 5

Per forza di cose LightSwitch 2012 si basa su Silverlight 5, di conseguenza i client che si connetteranno alla vostra applicazione riceveranno un avviso per il quale è necessario scaricare e installare la versione aggiornata del plug-in. In scenari come il mio, quindi un dominio Windows con utenti a privilegi limitati, è una cosa di cui tenere conto perché se volete evitare di (o se non potete da remoto) fare il giro di tutte le postazioni con la password admin per installarlo, può essere buona cosa prevedere un sistema di distribuzione del plugin tramite aggiornamenti di sistema (es. server WSUS).

Progetti Silverlight contenenti custom controls

Se in LightSwitch 2012 aprite una solution contenente un progetto Silverlight che espone custom controls, per il discorso del targeting questo non verrà aggiornato automaticamente alla versione 5. Di conseguenza, dovrete aggiornare il progetto alla versione 5 passando dalle proprietà, ma cosa ancor più importante è aggiornare i riferimenti ad assembly per i quali esista una versione per Silverlight 5. Ergo, se non l'avete, non migrate: eviterete dei problemi, anche perché il progetto LightSwitch ha come target la nuova versione.

La pubblicazione

Il wizard di pubblicazione su server Web include ora qualche opzione in più, ma non dovete usarle per forza, per cui non dovrete toccare nulla delle precedenti impostazioni e potrete andare avanti a pubblicare esattamente come con la versione precedente. Decisamente bello  Permettetemi però un consiglio, visto che mi è capitato personalmente: se fate uso di estensioni e librerie di terze parti, dopo che avete fatto l'upgrade di queste ultime e prima della pubblicazione sul server, andate nella cartella sul server che contiene l'attuale pubblicazione e rimuovete la cartella Bin. Dopodiché, rifate il deploy. Per quanto LightSwitch sia attento, può sfuggirgli di sostituire qualche assembly con le versioni aggiornate (che nel progetto sono usate correttamente). Ovviamente fatevi un bel backup della cartella Bin, non si sa mai.

Questi sono i punti (di massima) critici nell'upgrade di un'applicazione LightSwitch dalla v1 alla v2. Mi raccomando: Visual Studio 2012 convertirà il file .LsProj, cosa non reversibile. Si, ok, fa anche un backup.. ma fatevelo anche voi dell'ultima versione funzionante alla v1.

Buona migrazione!

Alessandro

Print | posted on mercoledì 10 ottobre 2012 16:03 | Filed Under [ Visual Studio LightSwitch Visual Studio 2012 ]

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET