Alessandro Del Sole's Blog

{ A programming space about Microsoft® .NET® }
posts - 1908, comments - 2047, trackbacks - 352

My Links

News

Your host

This is me! Questo spazio è dedicato a Microsoft® .NET®, di cui sono molto appassionato :-)

Cookie e Privacy

Disabilita cookie ShinyStat

Microsoft MVP

My MVP Profile

Microsoft Certified Professional

Microsoft Specialist

Xamarin Certified Mobile Developer

Il mio libro su VB 2015!

Pre-ordina il mio libro su VB 2015 Pre-ordina il mio libro "Visual Basic 2015 Unleashed". Clicca sulla copertina per informazioni!

Il mio libro su WPF 4.5.1!

Clicca sulla copertina per informazioni! E' uscito il mio libro "Programmare con WPF 4.5.1". Clicca sulla copertina per informazioni!

These postings are provided 'AS IS' for entertainment purposes only with absolutely no warranty expressed or implied and confer no rights.
If you're not an Italian user, please visit my English blog

Le vostre visite

I'm a VB!

Guarda la mia intervista a Seattle

Follow me on Twitter!

Altri spazi

GitHub
I miei progetti open-source su GitHub

Article Categories

Archives

Post Categories

Image Galleries

Privacy Policy

Cenni sulle applicazioni Web in WPF

In Windows Presentation Foundation, le applicazioni web sono chiamate XAML Browser Applications. Il nome vuole significare che si tratta di applicazioni in grado di essere eseguite in un browser web.

Per creare questo tipo di applicazioni, è sufficiente selezionare il modello di progetto XAML Browser Application tra i modelli disponibili per .NET Framework 3.0. In maniera analoga a quanto accade per le applicazioni Windows, il designer di Visual Studio si presenta con l'editor di codice XAML più una pagina di tipo Page, al contrario dell'oggetto Window che caratterizza le applicazioni Windows.

Grazie a XAML, il design delle pagine web avviene in maniera identica alle applicazioni Windows. Ciò significa che si può utilizzare lo stesso identico codice XAML senza cambiare una virgola. Questa è un'importante caratteristica di XAML, che lo rende ancora più versatile e apprezzabile.

Quando si conclude il lavoro e l'applicazione dev'essere pubblicata, Visual Studio genera un file con estensione .xbap (che sta, per l'appunto, per XAML Browser Application). I file .xbap sono dei file a struttura XML, il cui contenuto viene interpretato dal browser e visualizzato.

Considerate il seguente snippet di codice XAML, che unisce un paio di frammenti proposti nel mio blog in applicazioni Windows e che viene inserito all'interno dell'oggetto Page, ossia quello che viene visualizzato nel browser come pagina web:

<Page x:Class="Page1"
    xmlns="http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml/presentation"
    xmlns:x="http://schemas.microsoft.com/winfx/2006/xaml"
    Title="Page1" Height="172" Width="334">
    <StackPanel>
      <TextBox Name="TextBox1" BorderBrush="Salmon" FontStyle="Italic" FontWeight="UltraBlack"
        BorderThickness="2" Text="Questa \u232 ? una TextBox in WPF"
        FontFamily="Courier New" FontSize="14" Foreground="White" Margin="10,10,10,10">
        
        <TextBox.Background>
          <RadialGradientBrush GradientOrigin = "0.5,0.5" Center="0.5,0.5" RadiusX="0.5" RadiusY="0.5">
            <RadialGradientBrush.GradientStops>
              <GradientStop Color="Green" Offset="0" />
              <GradientStop Color="Blue" Offset="0.25" />
              <GradientStop Color="Yellow" Offset="0.75" />
              <GradientStop Color="Red" Offset="1" />
            </RadialGradientBrush.GradientStops>
          </RadialGradientBrush>
        </TextBox.Background>
      </TextBox>

      <TextBlock > Questo è un esempio di applicazione Web minimale in WPF</TextBlock>
      <Button Margin="10,50,10,50" Width="200" Content="Clicca qui!" Foreground="White">
        <Button.Background>
          <LinearGradientBrush>
            <GradientStop Color="Yellow" Offset="0"/>
            <GradientStop Color="Red" Offset="0.5"/>
            <GradientStop Color="Blue" Offset="1"/>
            </LinearGradientBrush>
            </Button.Background>
        </Button>
     </StackPanel>
</Page>

Come potete notare, l'oggetto principale si chiama Page e non più Window (tra l'altro, se utilizzate l'applicazione XAMLPad di Microsoft questo è l'oggetto che andrete a utilizzare per default). Una volta pubblicato il lavoro, l'applicazione si presenta così in Internet Explorer:

 

Ovviamente, si può poi intervenire sul comportamento degli oggetti grazie ai file di code-behind, in Visual Basic o Visual C#, in maniera analoga a quanto avviene nelle applicazioni Windows in WPF o nelle applicazioni Web in ASP.NET. In ogni caso, questo genere di cose, per me, è un ulteriore motivo per amare XAML :-)

Alessandro

Print | posted on sabato 11 agosto 2007 22:20 | Filed Under [ Windows Presentation Foundation ]

Powered by:
Powered By Subtext Powered By ASP.NET